free web stats
edu@qlash.gg

Videogames ed educazione
25 Nov 2019

QLASH e Fondazione Don Gnocchi: i videogames come strumento educativo

Quanti genitori hanno paura dei videogames?

E quanti sono preoccupati che i propri figli possano sviluppare una qualche forma di dipendenza?

Ma davvero i videogiochi fanno solo male, o possono rappresentare anche uno strumento educativo?

A queste e a molte altre domande risponderemo sabato 30 novembre al Centro S. Maria al Castello di Pessano con Bornago (Milano), durante Don Gnocchi Games, un evento promosso da QLASH e dalla Fondazione Don Gnocchi in cui si parlerà – e non solo – di videogiochi a 360°.

Videogames, opportunità e rischi

L’incontro è aperto al pubblico e prevede l’intervento della psicoterapeuta Viola Nicolucci, che dal 2011 si occupa di psicologia e nuove tecnologie (tele salute mentale, educazione digitale, gamification e videogames).

La dottoressa Nicolucci parlerà dei rischi legati al gaming disorder e di come affrontarli, ma spiegherà anche le potenzialità, spesso sottaciute, dei videogiochi come strumenti in grado di ampliare le capacità cognitive.

Francesco Lastilla, del coordinamento riabilitazione npi di Fondazione Don Gnocchi, ha descritto Don Gnocchi Games come “una possibilità per bimbi e adolescenti, ma anche per i loro genitori, di vivere un’esperienza educativa e di approfondimento sui videogames”.

Il programma di Don Gnocchi Games

L’evento si terrà dalle 10.30 alle 12.30 presso la sala multimediale del Centro. Dopo una prima parte introduttiva, lo staff di QLASH rappresentato dai responsabili del progetto QLASH Education (Claudio Poggi, Claudia Galingani Mongini e Luca Bertelli) suddividerà la sala in tre aree tematiche.

La prima sarà dedicata alla realtà virtuale. Per mezzo del visore Oculus Quest, alcuni pazienti della Fondazione Don Gnocchi potranno divertirsi a tagliare cubi a ritmo di musica su Beat Saber, rhythm game in realtà virtuale sviluppato e pubblicato da Beat Games.

La seconda, invece, prevede l’utilizzo della console Wii e di Wii Party, un “contenitore” di oltre 80 minigiochi che mettono alla prova prontezza di riflessi e di spirito, equilibrio, velocità di esecuzione e intuizione, il tutto in un contesto improntato al divertimento e alle risate.

Infine, nella terza e ultima area i pazienti dovranno misurarsi con un tablet e un gioco in stile Memory, dove sarà la memoria visiva a farla da padrone.

Per info e prenotazioni, inviare una mail a flastilla@dongnocchi.it o telefonare al numero 02.95540401

Leave a Reply